sábado, 4 de febrero de 2017

Dinamitri Jazz Folklore - Exwide (Live) 2017



Nel deserto è facile perdersi, ma soprattutto si può rischiare di ritrovarsi. È per questo che in tanti se ne sono invaghiti, per quel “nulla” che porta a dover fare i conti con se stessi. E se a Timbuctu i Dinamitri Jazz Folklore hanno potuto trovare le radici musicali di una cultura antica e profonda come quella tuareg, per arrivare a toccarne l'essenza si sono dovuti mettere in gioco. La toscanità, la livornesità, l'identità aperta e il senso comunitario che ha reso questa esperienza diversa da molte altre, sono state le chiavi di un incontro possibile. Ecco perchè emerge in questo disco dal vivo una doppia anima: da un lato quella forte spiritualità ritualistica che ha da sempre attraversato il battito musicale dei Dinamitri, dall'altra il debordante vitalismo che ha contagiato musicisti come Bombino, Amanar, Samba Touré, Tartit. Incontri che hanno lasciato il segno. In profondità. Reciprocamente.

Maurizio Busia  (direzione artistica musicale Fabbrica Europa e Festival au desert Firenze)


1. Tenerè 5:53
2. In the Morning 6:10
3. Blues africane 6:17
4. Quiet Man Is Dead Man 7:58
5. Azalan Man 4:17
6. Amitié 6:37
7. African Dance 7:42
8. Ansari 8:04

Piero Gesue (voc)
Emanuele Parrini (violin)
Beppe Scardino (bs)
Pee Wee Durante (hammond organ)
Gabrio Baldacci (el-g)
Andrea Melani (ds)
Simone Padovani (perc)