jueves, 21 de abril de 2016

Francesco Bertone - Footprints (2016)





Francesco Bertone: contrabbasso, basso elettrico, ideazione e scrittura

Nato nel 1964 si diploma in contrabbasso nel ’91. Il suo interesse per tutti i generi musicali lo porta a studiare parallelamente anche basso elettrico. Seminari con Mark Harris, Ares Tavolazzi e Franco d’Andrea.

Nell’84 è cofondatore del gruppo-laboratorio Loscomobile che produce centinaia di concerti e due dischi; da segnalare l’apertura del concerto di Manu Chao (Cuneo 2012), Modena City Ramblers (Moncalieri 2014) e PFM (Cuneo 2015). Dall’89 al ’95 è contrabbassista nel gruppo del cantautore Gian Maria Testa e partecipa alla realizzazione del suo primo cd Montgolfieres per l’etichetta francese Label Bleu.

Dal ’91 al ’94 collabora con l’Orchestra di Savona - sinfonica, lirica e da camera - partecipando all’incisione di opere e recitals. Collabora inoltre con l’orchestra Bruni, Ghedini, l’Ensemble Antidogma e Camerata Casella.

Parallela a questa attività è la presenza in gruppi ‘third stream’ come il Bolling Group, Baroque&Blues Quintet, Cafè Express, Serenata Trio con Rino Vernizzi e numerose formazioni jazz accanto a solisti come Riccardo Zegna, Gianni Negro, Bruno Astesana, Roberto Andreoli, Remo Ramondetti, Alfredo Ponissi, Franco Olivero, Andrea Allione, Roberto Taufic, Gilson Silveira, Diego Borotti, Leo Martina, Fabrizio Bosso, Emanuele Cisi, Claudio Chiara, Marco Parodi, Luigi Tessarollo, Luca Rigazio, Marco Puxeddu, Skip Hadden, John Ramsay, Garrison Fewell, Marco Roagna, Marco Sorìa, Paolo Franciscone, Luca Allievi, G.P.Petrini, Alessandro Lanzoni, Marc Masselin, Joseph Alessi, Sergio Bellotti, Matcho Winterstein, Luca Zanetti, Danila Satragno, Danilo Pala, Enzo Zirilli, Paolo Porta, Aldo Rindone, Renzo Coniglio, Luigi Bonafede, Gianni Virone, Fabio Gorlier e altri.

Suona e incide con le cantanti Nitza Rizo, Simone Papa, Patricia Lowe, Ginger Brew, Liliana Di Marco (Lil’Darling Hot Club e Quartet), con il gruppo Atelier de Swing, Taxi Dream, Nomade Swing Trio, Giorgio Conte, Blue Dolls (collaborazioni con Renzo Arbore), Elemento H2O di Chiara Rosso e altri.

Attivo dalle prime edizioni del Giorno della Memoria con "Shirim" (reading musicale di tradizioni ebraiche autrice M.T. Milano - solista Avi Avital), contrabbassista nello spettacolo "Come in un silenzioso slow" su come il fascismo usò le canzoni a fini propagandistici. È autore delle musiche e contrabbassista in scena nel reading "Terezin" dedicato all’omonimo libro di M.T. Milano in collaborazione con il gruppo vocale Fuori dal coro. Questa attività lo porta nei teatri, festival e locali più prestigiosi come Piccolo Regio, Gilgamesh, Jazz Club e Salone del Conservatorio a Torino, Torrione di Ferrara, JazzonLive Brescia, Auditorium Carlo Felice, Louisiana Jazz Club di Genova, Cantina Bentivoglio, Bar Wolf a Bologna, Naima a Forlì, Alexander Platz a Roma, Le Scimmie e il Blue Note a Milano. Festival Caffeina di Viterbo, Mediterraneo Jazz Festival, Alba Music Festival, Sanremo Jazz Festival, Festival di Vitrè, di Legnano, Basilica dei Fieschi, Vincoli Sonori, Festival Manouche, Giordano a Baveno, Pavese a S. Stefano Belbo, Babel Festival Aosta, Wigam e Manchester. Attivo anche sul versante world music in eventi live con il Corou de Berra, Gai Saber, Piero Ponzo e Filippo Gambetta.

È nel gruppo di teatro-canzone Trelilu, sulla scena dal ’92, con all’attivo 15 cd, 2 dvd, più di mille concerti, festival internazionali come Glomel in Bretagna e Santander in Spagna, e nazionali come Le Gru, Collisioni, Asti Teatro, Teatro e Colline, stagioni teatrali al Teatro Erba, Alfieri e Gioiello, Fonderie Limone, Lavanderie a Vapore a Torino, Roumiage 2013, collaborazioni con Quintettango, Banda Osiris e Alessandro Perissinotto. Candidatura al Premio Tenco 2015.

Nel 2006 pubblica il suo primo cd solista Aritmiaritmetica con Videoradio. Tre brani di questo disco sono entrati nella compilation RaiTrade "Fusion, jazz, rock e groove".

Insegna basso elettrico e contrabbasso dal 1992, attività che lo porta ad essere organizzatore di ensemble di studenti, creatore di progetti live didattici, concerti a tema e scrivendo spettacoli teatrali a scopo divulgativo come "Il Rock’n’Roll ha cento anni?" o "Jazzando s’impara".

È uscito nell’Aprile 2013 per l’Editore Sonda di Casale Monferrato il manuale Musica, Maestra! di cui è co-autore con M.T. Milano e R. Beccaria; è stato presentato al Salone del Libro 2013.

Dall’86 svolge attività di strumentista, compositore e autore presso studi di registrazione.


Footprints, huellas, impronte.

Che lasciamo sul mondo e che il mondo lascia su di noi.

Brani eseguiti in trio si alternano a duetti basso e voce. Un disco fatto di acero e avorio, abete, bronzo, ebano e ghisa, pietra della strada. Tecnologia antica che si può toccare, opaca e ruvida. Poi muscoli e voce.

Lasciamo impronte sempre più evanescenti: immagini riprese da chissà quali telecamere, chissà dove, chissà perché. Per resistere a questo svanire voglio qualcosa di più concreto. Concreto come una canzone.

Con Francesco hanno suonato Fabio Gorlier (Pianoforte e Hammond) e Paolo Franciscone (Batteria) e ha cantato (e scritto) Nitza Rizo.

01. Come Together 5:21
02. Duck Walks 5:02
03. Andros 5:29
04. Ballano Ancora 4:20
05. Cantilena Menor 2:49
06. Coincidance 5:20
07. Ruiseñor 1:46
08. Una Foto di Carta 4:35
09. Gotas de Rocío 1:37
10. Olio di Gomito 5:14
11. Canción 1:29
12. Lumière 3:52
13. Huellas 2:01


BUY THIS ALBUM


Coincidance

Dave Douglas - Dark Territory (2016)


Source & Label: Greenleaf Records


“Dark Territory follows up on this area of risk, going into new, as yet unexplored musical spaces. The title was suggested by the writer Fred Kaplan, whose new book Dark Territory: The Secret History of Cyber War, talks about the similarly mysterious, murky waters of underground activity. In a way, we’re playing through a similar territory without rules where the dangers and challenges of technology are much greater than normal. I love that Zach, Jon, and Mark are so willing to go that place!”  Dave Douglas


With the 2015 release of High Risk, Dave Douglas, Shigeto, Jonathan Maron, and Mark Guiliana proved they could produce an album where avant-jazz and electronic music met in a spacey atmospheric middle ground, delivering something new in the world of genre. Melding traditional instrumentation and modern electronic music production challenges the ideals of both the traditional term “jazz” as well as the modern term “electronic music.” Pitchfork described it as, “Simultaneously chill and surprising, it’s the sound of a group discovering a valid language, and then proceeding to push the limits of that new aesthetic.”

Dark Territory features a new set of music that is being released on Limited Edition 12″ 180 Gram vinyl as a Special Release for Record Store Day 2016! The digital audio is also available directly from Greenleaf Music via Bandcamp. Order yours today!

Tracked in the same set of sessions as High Risk, Dark Territory was recorded once again by Geoff Countryman at The Bunker in Brooklyn, NY in October 2014, with mixing by Steve Wall, mastering by Mark Wilder and production by Dave Douglas.

As Douglas notes, “Dark Territory follows up on this area of risk, going into new, as yet unexplored musical spaces. The title was suggested by the writer Fred Kaplan, whose new book Dark Territory: The Secret History of Cyber War, talks about the similarly mysterious, murky waters of underground activity. In a way, we’re playing through a similar territory without rules where the dangers and challenges of technology are much greater than normal. I love that Zach, Jon, and Mark are so willing to go that place!”

The four musicians who make up High Risk come from multifaceted-genre backgrounds. Thus, the jazz/electronic divide is somewhat blurred. PopMatters observed, “Where one influence ends and another one begins is a mystery, and that’s what will guarantee High Risk‘s status as a wholly unique album. With any justice, it will also serve as a template for future electro-jazz.” All About Jazz described the original album, “Voluminous soundscapes and swelling patterns like oceanic waves find Douglas’ blustery and sensitive horn flowing within the band’s shifting and sonically rich program of beats, noises, thoughtful music, and creative embellishments.” Furthermore, Stereophile remarked, “It is a high-wire act, a ‘high risk,’ to be out there, so starkly exposed… there’s a serrated groove to this music, even a lyricism and the blues.”


1. Celine 06:43
2. All The Pretty Horsepower 07:02
3. Let's Get One Thing Straight 05:50
4. Mission Acropolis 05:28
5. Ridge Hill 03:55
6. Neural 04:51
7. Loom Large 06:20
   

 
Dave Douglas - trumpet
Shigeto - electronics
Jonathan Maron - bass
Mark Guiliana - drums  







 


Russell Malone - All About Melody (2016)


Label: HighNote


Guitarist Russell Malone has always been a highly lyrical, melodic soloist and he spotlights this talent with his 2016 studio effort, All About Melody. Following up his similar small group album, 2015's Love Looks Good on You, All About Melody is a swinging, soulful, laid-back production showcasing Malone's knack for deftly delivered straight-ahead jazz. Joining Malone once again is his longtime working rhythm section of pianist Rick Germanson, bassist Luke Sellick, and drummer Willie Jones III. Together, this quartet makes supple, warm-toned instrumental music in which each player is totally jacked in, intrinsically working to complement the overall happy group vibe. With his big, hollow-body electric guitar, largely unadorned natural tone, and fluid, bop-inflected lines, Malone sounds positively exuberant here. To these ends, he revisits Freddie Hubbard's "On the Real Side," a groove-oriented number he first played on the trumpeter's last studio album. He then continues to pay homage to another of his stylistic inspirations, the late guitarist Jim Hall, with the hushed original "Message to Jim Hall." Poignantly, the track is followed by an actual phone message Hall left for Malone. Elsewhere, Malone keeps things vibrant and romantic with a sweet, unaccompanied take on "When a Man Loves a Woman," and equally amorous, afterglow-illuminated version of "Saving All My Love for You." However, it's not all candlelight and wine. Malone dances through Sonny Rollins' calypso "Nice Lady," and turns up the noise for a frenetic, funky take on Bill Lee's "Biskit." Ultimately, whether he's slipping into an intimate ballad or launching into a swaggering soul-jazz freakout, Malone keeps listeners hanging onto his melodies.  


1  On the Real Side
2  Message to Jim Hall
3  Message From Jim Hall
4  Nice Lady
5  Sound for Sore Ears
6  When a Man Loves a Woman
7  Saving All My Love for You    
8  Jive Hoot    
9  Haunted Heart    
10 Biskit    
11 He's Gone Away

Russell Malone - guitar
Rick Germanson - piano
Luke Sellick - bass
Willie Jones III – drums







 


 

Stefan Goranov Quartet - Birdwatch (Music of Charlie Parker) 2016


The concept behind this project appeared in my mind five years ago and it slowly evolved from a vague idea to what you have now in front of you. It may sound as a cliche but it really is very difficult to point out all the people that have been nice to me and made this album possible. If I start listing them name by name it would be a long list and I will for sure skip someone cause I believe that we all learn from everything and everyone. I would point out only my parents as the people who always trusted my decisions and believed in me...


Released March 11, 2016 

1. Anthropology 07:33
2. Quasimodo 06:18
3. Interlude 1 01:03
4. Ah Leu Cha 08:56
5. Yardbird Suite 08:52
6. Interlude 2 01:05
7. My Little Suede Shoes 05:19
8. Billie's Bounce 09:44

Nacho de Frutos - guitar 
Jorge Castaneda - piano 
Dario Guibert - bass 
Stefan Goranov - drums and arrangements

June Koo - guitar - forever in the band although not on the record :)

Recorded on the 19th of December 2015 by Todd Carder at the Bunker Studio, Brooklyn, NYC 
Mixed on the 18th of January 2016 by John Davis at the Bunker Studio, Brooklyn, NYC 
Mastered by Alex de Turk

BUY THIS ALBUM

Marco Colonna - MINORANCE (A Late Reflection on the Revolutionary Art of Fred Ho) 2016



MINORANCE 
A late reflection on the revolutionary art of Fred Ho 

è per diversità che si resiste 
ma non ci sono appigli di realtà 
solo di volontà 
nasciamo in minoranza 
ma si possiede amore 
(Alberto Masala)

A due anni dalla scomparsa del grande sassofonista, compositore, combattente per la libertà FRED HO ho deciso di riprendere la suite realizzata un anno fa che aveva per titolo The Joyful Breath of the Dragon, facendola esplodere nelle direzioni che la mia musica, e la riflessione sull'arte di Fred Ho continua ad innescare in me. 

Stavo cominciando a lavorare con Ettore Fioravanti e si cercavano direzioni da seguire con cui convogliare le energie del nostro duo. Naturale è stato unire le cose, e trasformare la suite in quello che è ora, e questa trasformazione ha trasformato anche il titolo nell'attuale MINORANCE A late reflection on the revolutionary art of Fred Ho. 

Ho preferito utilizzare i miei strumenti principali (clarinetto e clarinetto basso) su cui sono impegnato in una vera e propria rivoluzione sonora, per allontanare il lavoro dall'idea di commemorazione didascalica e per introiettare alcune istanze che dall'opera di Fred Ho io cerco di fare mie. Ricerca formale, senso della struttura, impianto tematico diretto e costruito attorno ad un materiale melodico di tipo squisitamente pentatonico sono le caratteristiche compositive della suite. 

Dal punto di vista timbrico ho cercato di portare una ricerca sonora dello spazio scevro da ambientazioni esotiche ma intriso di un lavoro sulla spazialità reale, su un suono marmoreo dato anche da una registrazione in cui non si è ricorso assolutamente ad artifici ambientali. 

L'idea di suono che avevo per questo lavoro è corrispondente al suono che sento riascoltandola. Naturale nel vero senso del termine. 

La fortuna di lavorare con Ettore Fioravanti mi ha dato la possibilità di avere al mio fianco un vero architetto della batteria. In un set prettamente jazzistico riesce a costruire gli spazi in maniera profondamente sintattica, giocando un ruolo paritario nei confronti delle ance anche dal punto di vista melodico. Un grande maestro che ho l'onore di aver coinvolto in questo lavoro. 

Al termine del lavoro ho deciso di inserire un brano di Cal Massey , autore caro a Fred Ho , fonte di ispirazione e grande combattente per i diritti del popolo nero. Brano che si trova originariamente sul capolavoro di Archie Shepp Attica Blues. 

La figura di Fred Ho è una figura centrale per tutto quello che riguarda l'estetica e l'etica della musica (e dell'arte) che mi interessa. Il perenne interrogativo su forma e sostanza, sulla fruizione, sull'energia e la meditazione, sul conflitto e la perenne trasformazione dialettica del suono. 

Non smetterò a breve di interrogarmi sulla sua figura, sul significato di una musica che possa essere veicolo di trasformazione e portatrice di un messaggio di liberazione. 

Non smetterò mai di trovare nella minoranza un valore necessario alla critica, alla salvaguardia etica e alla proposta di strategie e valori necessari. 

Il disco uscirà in 25 copie numerate, con un lavoro grafico dell'artista Francesca Gallo. 

Per la promozione mi affiderò esclusivamente al formato digitale. In nome di una strategia altra e sovversiva nei confronti di un mercato discografico che nell'attuale scenario produttivo è altamente esclusivo.


Released April 12, 2016

1. An Ancient Lake 09:25
2. Minorance 05:45
3. The Dragon 06:21
4. Fight 04:49
5. The Darkness of the Lake 07:21
6. Liberation 04:02
7. Epilogue 02:51

Marco Colonna : clarinet, bass clarinet 
Ettore Fioravanti : drums and percussions 
Covert Art Francesca Gallo aka SKAFRASTER

BUY THIS ALBUM

P 'N Ko Trio - Premier Étage (2016)



"Nous avons le plaisir de vous annoncer la sortie de notre premier album, « Premier étage » !

Cet album contient 7 compositions originales". P 'N Ko Trio (facebook)


1. Peak Time 06:01
2. Mardi 16 08:25
3. Pour Inès 04:33
4. Blues for Peter 06:26
5. Obsession 05:23
6. Lost Uncle 07:00
7. Abstraction 08:16

A jazz trio with very young players: 

Pierre Carbonneaux, soprano, alto tenor & baritone saxes
Nicolas Zentz, double bass 
Kolia Lothar Hiffler, drums 
Compositions by Pierre Carbonneaux & Kolia Lothar Hiffler

Released April 16, 2016

BUY THIS ALBUM